Meglio ActiveCampaign o Mailchimp? Confronto 2020

Nota bene: Questo articolo è tratto da un post DI KARL KANGUR

 “ActiveCampaign vs MailChimp?”

“MailChimp o ActiveCampaign?”

“Quale mi piace di più? Qual è il migliore? Quale mi soddisfa di più? Sai, ActiveCampaign è così fantastico… ma si sta così bene con MailChimp…”

Ti sembra che sia tornato ai tempi delle superiori? Questo per me è un tema che mi tocca da vicino, dato che l’email marketing è così centrale in ciò che faccio, e ho avuto delle lunghe relazioni con entrambe queste piattaforme di marketing.

Da una parte abbiamo ActiveCampaign, maturo, stabile, dal roseo futuro. Dall’altra, MailChimp, divertente e semplice, ma in fin dei conti difettoso e limitante.

Entrambi hanno i propri pro e contro, ma devi scegliere con saggezza. Ho appreso con le cattive che cambiare piattaforma può praticamente distruggere un’attività. Come vorrei non aver sprecato tempo in una divertente, quanto drammatica relazione.

In questo articolo affronterò tutto ciò che devi sapere su ActiveCampaign vs. MailChimp e ti fornirò i dettagli di entrambe le relazioni.

ActiveCampaign vs. MailChimp: Perché devi fare la scelta giusta già in partenza

Continuando su questa tediosa analogia della relazione, i miei anni con MailChimp sono stati divertenti, eccitanti e senza stress… Finché lo stress ha preso il sopravvento ed ha compromesso l’intero lato email della mia attività.

Di per se, non c’è niente di sbagliato in MailChimp. Imparare ad usarlo è facilissimo, è molto economico (gratuito entro un certo limite) ed ha miriadi di fantastici template per email. Come un novizio con una piccola attività, sono caduto preda del suo fascino, del suo aspetto giovane e, soprattutto, era GRATIS! Capisco perfettamente perché MailChimp è il servizio di email marketing più popolare al mondo.

Ma, se hai delle serie aspirazioni (tipo scalare la tua attività attraverso l’automazione, la segmentazione e il messaging cross-channel), MailChimp diventerà un ostacolo. Infatti, se vuoi veramente crescere, scegliere MailChimp invece di ActiveCampaign è un GROSSO SBAGLIO. Non sarai in grado di scalare, e dovrai affrontare un estenuante processo per passare tutto a un servizio migliore (indizio: Il servizio migliore è ActiveCampaign).

Tuttavia, MailChimp potrebbe ancora essere la scelta giusta….

Nonostante tutti i suoi difetti, MailChimp presenta ancora dei seri vantaggi su ActiveCampaign. Dipende tutto da te e dalla tua attività.

Ecco perché affronterò ogni singolo aspetto. Se sei un geek come me, ti piacerà vedere tutte le differenze, pianificare il tuo email marketing e essere tranquillo sapendo che stai scegliendo il software di email marketing giusto per la tua attività.

Uff, era veramente tanto, ma andava detto.

Passiamo a mettere a confronto ActiveCampaign vs. MailChimp.

User-Friendly/Facilità d’uso

Dal momento che presumo che tu sia nuovo all’email marketing, inizierò con il ripassare l’UX/facilità d’uso di MailChimp e ActiveCampaign. Questo avrà molto peso nella vostra decisione.

E devo dire che…. MailChimp è davvero super.

Quando ho iniziato a gestire semplici campagne di email marketing, non avevo alcuna idea di quello che stavo facendo. È questo che mi ha portato da MailChimp.

Hanno sostanzialmente inventato il concetto moderno di un editor email drag-and-drop, e ancora oggi è sempre facilissimo da usare.

Screen Shot 2019 08 20 at 12.17.57 PM

Non c’è niente di più facile di questo

A sinistra la tua email è divisa in sezioni separate (intestazione, corpo, footer), e a destra, tutti gli accattivanti template di MailChimp.

Per creare un’e-mail da zero ci vuole meno di un minuto. Dai un’occhiata:

Screen Shot 2019 08 20 at 12.22.41 PM

Non che sia l’equivalente di Avatar o cose simili, ma sono serviti solo 47 per creare un’email. Ti sto solo mostrando quanto è facile. Con un po’ di esperienza e qualche tutorial, puoi creare delle bellissime email che sembrano al 100% professionali in un batter d’occhio.

L’editor di MailChimp è:

  • Intuitivo
  • Pulito
  • Potente
  • Completo

Difficile obiettare.

L’unica cosa che mi colpisce dell’UX di MailChimp è che la creazione di cose come le landing page, i moduli o gli annunci si trova in un posto completamente diverso e tutto raggruppato sotto la sezione “Crea una campagna”.

È un po’ fastidioso e crea un inutile passo in più. Tuttavia non è niente di che.

Diamo una rapida occhiata a come si presenta ActiveCampaign:

Screen Shot 2019 08 20 at 12.31.21 PM

Ad un primo sguardo, potete vedere i vantaggi e gli svantaggi di ActiveCampaign.

Ma c’è MOLTO di più.

Anche qui l’editor email è facile da usare, e secondo me è anche molto più bello:

Screen Shot 2019 08 20 at 12.33.25 PM

Ci sono solo molte cianfrusaglie in più da mettere a posto per creare una mail dall’aspetto professionale.

Inoltre, se vuoi iniziare ad utilizzare funzioni più avanzate (ad esempio, le automazioni), è necessario un vero e proprio training.

Se stai cercando lo strumento più semplice per creare email e non pensarci più, allora abbiamo un chiaro vincitore:

MailChimp.

Design e template

Esiste davvero qualcuno che crea le proprie e-mail da zero? Se è così, chi sei e per chi lavori?

Se fai parte dell’altro 99% di noi uomini d’affari sani e mentalmente stabili, utilizzi un modello creato da un professionista.

La cosa bella dei moderni software di email marketing è che ci sono tonnellate di email, landing page e modelli di design di post sui social media tra cui scegliere, tutti di qualità professionale. Potresti non avere alcuna idea di ciò che stai facendo e comunque realizzare un design che TOGLIE IL FIATO.

10 anni fa stavi seduto a inviare email che assomigliavano ai geroglifici che si trovano sulle pareti delle piramidi.

Ricorda, che per mantenere gli iscritti nella tua lista e costruire la fiducia, devi inviare email dall’aspetto professionale. Questo è super importante.

Quindi presta attenzione..

Template e Design di MailChimp

MailChimp vanta oltre 100 template e design. Non importa quale messaggio vuoi inviare, con MailChimp troverai un design da abbinargli.

I miei preferiti sono:

  • Avalon
  • Shop – Perfetto per l’eCommerce
  • Stellar

Screen Shot 2019 08 20 at 12.48.50 PM

IMPORTANTE: I template di MailChimp non ti limitano. Puoi anche caricare il tuo proprio codice di design… se sei un sociopatico!

Libreria di Template di ActiveCampaign

I template di ActiveCampaign hanno un aspetto professionale come quelli di MailChimp. L’unica cosa è che ce ne sono pochi. All’incirca 30.

Screen Shot 2019 08 20 at 12.53.12 PM

Hanno però un modello di “Buon Natale”, quindi è un grande vantaggio rispetto a MailChimp.

In questo caso, di più è sicuramente meglio. E come il tizio di eCommerce, ho amato il template Shop (quando MailChimp ed io stavamo ancora insieme).

MailChimp vince di nuovo.

Ok, MailChimp è uscito oscillando e sembra avere la meglio. Ha già portato a casa il primo e il secondo round. Ma viene fuori che ActiveCampaign stava solo studiando l’avversario come un attento lottatore studia il proprio puntiglioso sfidante.

Una volta entrati nell’effettiva funzionalità del software, le cose si mettono piuttosto male per MailChimp.

Ma prima affrontiamo i costi di MailChimp e ActiveCampaign.

MailChimp o ActiveCampaign: Quale ha i prezzi migliori?

Probabilmente avrai sentito che MailChimp è il miglior software di email marketing GRATUITO in circolazione. Ecco perché è una celebrità tra i neofiti dell’eCommerce. Quando hai un milione di altre spese di cui preoccuparti, è bello avere un software di email marketing gratuito.

Ma questo è un mio capriccio. La versione GRATUITA di MailChimp è estremamente limitata.

Analizziamo la situazione un po’ più a fondo:

Screen Shot 2019 08 20 at 2.27.47 PM

MailChimp ha una versione gratuita, e onestamente, per tutto il mio cinismo, non è poi così male. Per $0 al mese, ottieni fino a 2.000 contatti, delle solide funzionalità CRM, template di base (con incluso il fastidioso footer MailChimp), e un numero limitato di landing page. Niente male per essere gratis.

Se vuoi inviare una semplice email del tipo “ehi, ragazzi. Vendo questo prodotto a questo prezzo” non serve altro.

La versione gratuita è sufficiente per inviare le vostre e-mail di base. Va bene per iniziare, ma non aspettarti molto. E come vedrai a breve, potrebbe essere un grosso errore farsi attirare dalla versione gratuita.

Se hai solo bisogno di iniziare e non vuoi prendere sul serio l’email marketing, la versione gratuita di MailChimp va più che bene. Ognuno ha esigenze diverse.

Dovrai pagare di più se vorrai delle funzionalità degne di questo nome che riusciranno a far crescere la tua attività, come:

  • Un CRM avanzato: Lifetime value, probabilità di acquisto, segmenti di audience illimitati.
  • Annunci di retargeting: Facebook, IG, ecc.
  • Flussi di lavoro personalizzati: Campagne di nurturing e simili.

Inoltre, se fai le cose nel modo giusto, supererai i 2.000 contatti in un batter d’occhio. Specialmente nel MODO LOSCO con cui MailChimp conteggia lo stesso contatto più volte (lo spiegherò più a fondo nella prossima sezione).

Prezzi di ActiveCampaign

Voglio essere sincero con te: Rispetto a MailChimp, ActiveCampaign è caro.

Dai un’occhiata:

Screen Shot 2019 08 20 at 2.51.59 PM

Diciamo che le cose stanno andando a gonfie vele e che hai una lista di 5.000 indirizzi email. Bene, ActiveCampaign ti addebiterà almeno $69 al mese e fino a $360 al mese per il pacchetto totale.

Però c’è una cosa di cui devi essere consapevole: Il piano Lite di ActiveCampaign è in realtà più conveniente di quello di MailChimp una volta raggiunti i 50.000 iscritti.

Verdetto: Il piano gratuito di MailChimp e i prezzi competitivi per i suoi piani più avanzati (anche se limitati) ne fanno la scelta migliore per le piccole imprese (o no? Continua a leggere per scoprire perché con tutta probabilità questo non è vero). Ma per le grandi aziende che cercano di fare email marketing degno di questo nome e CRM, ActiveCampaign è la scelta migliore. E, in realtà, è molto più conveniente di alcuni concorrenti.

Ok, abbiamo posto le basi. Ora, entriamo nel succo di come ognuna di queste piattaforme si è comportata nel corso del mio rapporto con loro.

ActiveCampaign vs. MailChimp: Qual è il miglior programma Email Marketing?

Capacità di gestione delle liste

pasted image 0 9

Le liste sono il primo strato di segmentazione. Questo è il segmento più ampio delle persone che si sono iscritte sul tuo sito. Da lì, puoi essere ancora più granulare aggiungendo dei tag, o, come con ActiveCampaign, dei campi personalizzati che non ti aiutano assolutamente sul tuo target ideale.

Parliamo prima di questa funzionalità.

Chi è più bravo nella gestione delle liste?

… è ActiveCampaign

Il primo colpo sferrato da ActiveCampaign è pesante, e arriva dritto sul mento.

Sono un grande fan della filosofia di gestione delle liste di ActiveCampaign e un grande hater di MailChimp. Mentre la mia attività cresceva, ho iniziato ad avere grossi problemi con MailChimp e mi sono reso conto di quanto fosse inutilmente complicato e, secondo me, un po’ losco.

Su MailChimp, le liste di contatti si escludono a vicenda al 100%. Questa lista qui. Quella lista la. Questa lista non può combinarsi con quella lista. Ciò significa che non è possibile includere contatti che si trovano su liste diverse nella stessa campagna.

Perché è una cosa così difficile?

MailChimp addebita i costi in base agli iscritti. Quindi, se hai la stessa persona su due liste diverse, paghi due volte.

È frustrante, soprattutto quando stai scalando velocemente.

Gestione delle liste di ActiveCampaign

pasted image 0 8

ActiveCampaign non ha delle liste rigide. Un iscritto è solo un iscritto, indipendentemente che si trovi in un posto o l’altro. E IO AMO TUTTO CIO’.

È possibile inviare la stessa campagna a contatti di liste diverse. Le liste possono essere segmentate in base a tag o campi personalizzati (interessi, posizione, ecc.).

Nel complesso, la flessibilità e le capacità di automazione di ActiveCampaign offrono molta più libertà creativa e capacità di targeting personalizzato. È abbastanza per considerarlo meglio di MailChimp nel mio libro.

pasted image 0 10

Verdetto: Un grande punto a favore ActiveCampaign.

Automazione:

Lavoro? Non ci serve alcun lavoro noioso. Perché perdere tempo a lavorare quando un programma per computer può gestire tutto al posto tuo mentre tu ti concentri su cose più importanti?

Le capacità di automazione sono il prossimo passo, e ActiveCampaign sferra un nuovo colpo. Questa volta MailChimp è alle corde.

Automazione di MailChimp

Screen Shot 2019 08 20 at 3.28.09 PM

Non è che l’automazione di MailChimp faccia schifo. In realtà è piuttosto solida. Quando stavamo ancora insieme, le campagne automatizzate mi hanno aiutato a crescere rapidamente senza dover fare alcuno sforzo in più.

Alcune delle mie funzionalità preferite sono:

  • Trigger “email aperte”
  • Campagna “non aperte”
  • Campagna “cliccate”
  • Trigger “lasciato gruppo”
  • Trigger “acquisto di un prodotto qualsiasi”
  • Trigger “carrello abbandonato”

NOTA: Nel caso questo termine non ti sia familiare, un “Trigger” è un comportamento di un iscritto che fa sì che gli vengano inviate delle email automaticamente. Ad esempio, puoi configurare MailChimp affinché invii un’email di follow-up a chiunque non apra l’email originale utilizzando il Trigger “non aperto“.

L’inconveniente è che l’editor di MailChimp è traballante, rigido e piuttosto limitato. Non c’è un’opzione per le automazioni affinché si diramino su più percorsi. In genere, è necessario che l’automazione sia il più flessibile possibile.

Funzionalità di automazione ActiveCampaign

pasted image 0 7

MailChimp va al tappeto. MailChimp va al tappeto.

MailChimp ha iniziato a lanciare montanti, ma ActiveCampaign ha aspettato pazientemente, ha preso le misure e ha risposto con una raffica di colpi al volto e ai reni.

Le funzionalità di automazione di ActiveCampaign sono di livello superiore ed esattamente ciò che ci si aspetta da un software di email marketing aziendale.

Puoi combinare dei Trigger, azioni e condizioni illimitati in modo da creare il flusso di lavoro definitivo per generare lead e segmentare.

La sofisticata automazione multipercorso è gestita tramite un editor visuale. Basta fare drag and drop e sei a posto.

È possibile anche integrare applicazioni come Shopify.

pasted image 0 13

Non solo, ma si integra perfettamente nel CRM di ActiveCampaign in modo da poter automatizzare i processi di vendita.

Verdetto: ActiveCampaign passa in testa con un’automazione sofisticata per aiutarti a scalare la tua attività. Una volta ottenuto un certo volume e che avrai bisogno di strumenti più sofisticati, MailChimp ti tradirà.

Moduli di Opt-In – MailChimp vs. ActiveCampaign

pasted image 0 12

I moduli sono essenziali per acquisire informazioni extra dai vostri iscritti, e nei software email odierni sono praticamente onnipresenti.

Perciò… Ho pensato di condividere le mie considerazioni sui moduli di registrazione di entrambe le piattaforme.

MailChimp è all’angolo, stordito. Tanto vale sferrare qualche pugno in più e segnare qualche punto facile con i giudici.

Opt-in di ActiveCampaign

L’editor campi dei moduli di registrazione di ActiveCampaign (illustrato in alto) è super semplice.

L’editor è visuale, semplice e intuitivo, rendendo facile aggiungere nuovi campi. I moduli ottimizzati per mobile possono essere integrati o aggiunti direttamente a WordPress (o addirittura Facebook).

Opt-in di MailChimp

La funzionalità dei moduli di MailChimp va bene, ma ho due lamentele da fare:

  1. C’è un editor separato per i campi integrati del modulo. Un po’ fastidioso
  2. Non tutti i moduli sono adatti agli smartphone. Super fastidioso

Verdetto: Non è un granché, ma ActiveCampaign segna un altro punto.

OK, ultima ma non per importanza c’è la ragione principale per la quale ActiveCampaign è la scelta migliore per le attività serie…

Capacità CRM

Arbitro: 7… 8… 9… 10… abbiamo un vincitore!

Screen Shot 2019 08 20 at 4.07.25 PM

Il CRM di ActiveCampaign è lo strumento definitivo per mantenere fluido il tuo processo di vendita mentre ti concentri sul far crescere la tua attività. MailChimp, anche se si dichiara uno strumento CRM, non ti permette tutto ciò.

E tutti gli strumenti di email marketing di ActiveCampaign (ad esempio le automazioni) si integrano direttamente con il CRM.

Pensa a quanto sarebbe fluido l’operato della tua attività automatizzando al 100% questi processi:

  • funnel di vendita
  • Registro delle transazioni
  • Comunicazioni di vendita
  • gestione/prioritizzazione dei lead

E questo è solo un piccolo assaggio del piatto che stai per gustare.

Un’altra fantastica funzionalità che mi ha davvero aiutato a concentrarmi su ciò che era veramente necessario è il Lead Scoring. Alcune persone sono pronte a comprare e altre potrebbero andarsene via. Il Lead scoring ti permette di tenere traccia di chi sono i tuoi lead e porre la tua attenzione dove più è necessario.

pasted image 0 11

Questo MailChimp non lo offre.

MailChimp sostiene di essere un CRM, ma io non mi faccio prendere in giro. E non dovresti farti prendere in giro neanche tu.

Certo, è possibile memorizzare dati e audience di target o creare annunci, ma non è neanche lontanamente un CRM. In effetti, non vale nemmeno la pena di affrontare questo argomento.

Verdetto: ActiveCampaign vince con K.O. tecnico.

Alternative a ActiveCampaign

L’ho accennato prima, ma affrontiamolo nuovamente: ActiveCampaign non è l’unica piattaforma avanzata di email marketing. Alcuni noti concorrenti lo sono:

  • HubSpot: CRM completo. Servono 800 dollari al mese per un piano decente. Hubspot è un po’ come lo strumento di marketing definitivo, ma non è un software di email marketing al pari di ActiveCampaign. È più indicato per le imprese che hanno bisogno di SEO, CRO e analisi.
  • Drip: Da 300 dollari al mese in su per 20.000 utenti, e non è così completo come ActiveCampaign. Hanno un editor drag and drop e altre caratteristiche come l’automazione, ma non hanno neanche minimamente lo stesso livello di trigger o complessità di ActiveCampaign.
  • AWeber: Più economico di ActiveCampaign (149 dollari al mese per 25.000 utenti), ma senza CRM e con scarsa automazione.
  • Convert Kit: Non così completo come ActiveCampaign, ma in realtà questo strumento non mi dispiace. L’automazione è fenomenale. Non al livello di ActiveCampaign, ma sempre multi-percorso e con un editor visivo pulito.

ActiveCampaign vs. MailChimp: Considerazioni generali. E perché PENSARE A LUNGO TERMINE

Se si considera di cosa è effettivamente capace, è ActiveCampaign ad essere la piattaforma di livello superiore.

Se vuoi prendere l’attività seriamente, questa è la scelta più ovvia. Tuttavia, comprendo perfettamente perché MailChimp fa gola a un’audience così vasta:

  • Il piano gratuito consente di iniziare senza costi iniziali. Molto bello.
  • E’ facilissimo da usare. Non c’è bisogno di training. Basta solo creare le e-mail. È anche bello da vedere.
  • E’ più economico. Puoi ottenere migliaia di iscritti e funzionalità solide per meno di quanto chiede ActiveCampaign.

Se pensi di non aver bisogno di nessuna delle funzioni avanzate o dell’automazione, MailChimp va più che bene.

C’è solo una cosa che ho imparato con le cattive e che tu devi tenere a mente:

ANCHE SE PENSI DI NON AVER BISOGNO DI QUELLE COSE ADESSO, NE AVRAI BISOGNO IN FUTURO. E ALLORA SARÀ TROPPO TARDI.

Non avrei mai pensato che un giorno avrei avuto bisogno di funzionalità avanzate nei software di email marketing come ActiveCampaign. Questo fino a quando non ne ho avuto davvero bisogno. Quando si avvia un’attività, è molto difficile prevedere a che punto saremo tra un anno.

Volevo solo crescere, crescere e crescere. Quando mi sono reso conto che MailChimp mi stava ostacolando, la mia intera operazione di email marketing era complessa, e renderla uno strumento che potesse effettivamente contribuire alla crescita della mia attività era quasi impossibile.

Se inizi con MailChimp, stai ponendo un limite a ciò che potrai ottenere, e se vuoi sfondare, dovrai passare attraverso un processo seriamente scrupoloso e costoso per rimediare.

Non fare come me. Pensa a lungo termine.

Verdetto: ActiveCampaign è lo strumento di cui hai bisogno ora e lo strumento con cui vorresti aver iniziato quando verrà il momento di scalare la tua attività. Se scegli MailChimp, risparmierai un po’ di soldi, ma sarà come darsi la zappa sui piedi. Fidati di me.

RICHIEDI IL CORSO COMPLETO GRATUITO

Se vuoi attivare ActiveCampaign o lo possiedi già puoi richiedere il nostro corso avanzato gratuitamente!

Compila questo modulo, ti ricontatteremo entro alcune ore.

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi della normativa vigente e dell’informativa Privacy presente su questo sito.

Attiva il corso base Gratuito

Inserisci i tuoi dati e ricevi gli accessi via email

Cliccando "Attiva il corso" dichiari di autorizzare il trattamento dei tuoi dati personali ai sensi della normativa vigente e dell'informativa privacy presente su questo sito